Uno scatto che ci somiglia: la raccolta fotografica di Carlo Levi

La mostra fotografica è parte del progetto “L’archivio fotografico di un protagonista del Novecento: Carlo Levi”.

L’esposizione non si sviluppa lungo una linea cronologica che segue la vita dell’artista, ma prova a individuare i nuclei tematici rilevanti che rimandano al suo percorso artistico e umano. La sintesi è in 120 scatti organizzati in 8 sezioni: la famiglia; il mondo privato: gli amori; immagini del confino; l’atelier; i ritratti d’autore; i reportage dei grandi maestri; i suoi viaggi; la figura pubblica.

Carlo Levi, infatti, non ha mai scelto la fotografia come strumento espressivo autonomo, alla stregua della pittura, della scrittura narrativa, giornalistica, o poetica; né ci sono in famiglia testimoni che lo abbiano visto con una macchina fotografica in mano. E tuttavia la fotografia ha occupato un posto importante nella sua vita al punto da trasformarlo in un accurato raccoglitore di scatti che accompagnano tutto il percorso ricco e articolato della sua biografia e dei suoi percorsi creativi.

Le fotografie dell’Archivio, costituito da circa 10.000 fotografie delle quali 1500 sono online sul sito della Fondazione,restituiscono un altro “specchio” della sua composita avventura umana prima ancora che intellettuale e artistica; specchio diverso – e in qualche modo più “oggettivo” – di quanto di sé Levi ci aveva già narrato nelle migliaia di tele dipinte.

 


Sede Fondazione Carlo Levi, Roma
Date dal 29 settembre al 16 dicembre 2021
Orari lunedì, martedì e giovedì dalle 16.00 alle 19.00
mercoledì e venerdì dalle 10.00 alle 13.00
Ingresso
Info www.carlolevifondazione.it

Foto: © Archivio fotografico Fondazione Carlo Levi